Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

News

IL SOGNO DIVENTA REALTA': LE AQUILE VOLANO IN DNB!

Giovedì 29 Maggio 2014 in Prima Squadra

CAMPIONATO DNC GIRONE A - FINALE GARA 2 PLAY-OFF

Aurora Desio: 47
Gessi Valsesia Basket: 58

Parziali: (12-13; 27-29; 35-38; 47-58)

Aurora Desio:Marinò 11, Meregalli 13, Gallazzi 11, Rossetti P. 2, Colombo 2, Villa, Motta 4, Bernardi, Rossetti M., Grassi 4. All.: Davide Villa; Ass.All.: Andrea Bonacina.
Gessi Valsesia Basket: Taffettani 4, Barbero, Picazio 15, Giadini 13, Radovanovic 15, Gallina, Somaschini 2, Berardi, Vercellino 5, Castagnetti 4. All.: Alberto Zambelli; Ass.All.: Michele Belletti e Piergiorgio Cerri.

Il 5 ottobre 2013, era iniziata proprio a Desio la nostra prima avventura in DNC. Oggi, 28 Maggio 2014, termina sullo stesso campo con la promozione in DNB. Quella prima giornata nel Campionato Nazionale ci aveva visti sconfitti da un’incontenibile Aurora per 71 a 48, facendoci capire che il percorso sarebbe stato complicato, ma che era necessario tirare fuori gli artigli fin da subito, perché non potevano essere sufficienti un mercato estivo ben riuscito e la presenza di alcuni giocatori di livello per farci disputare un bel campionato. La reazione della squadra fu veemente e con grande spirito di sacrificio, intensità e sorriso iniziò fin dalla settimana successiva il “filotto” di 12 vittorie consecutive. Ad inizio gennaio fu invece Desio a salire a Borgosesia, rompendo appunto la striscia di vittorie e dimostrando che era sicuramente la squadra che i valsesiani pativano maggiormente nell’intero girone. A distanza di quasi 5 mesi, Desio si è poi presentata in finale con all’attivo una serie di 13 vittorie consecutive e appariva anche favorita nei confronti della Gessi. Gara 1 di Domenica ha dimostrato che, nelle partite che contano, la Gessi ha qualcosa in più, per via della grande esperienza ed il carattere di alcuni suoi giocatori. Questa cosa Desio, suo malgrado, l’ha capita.


Il clima è stupendo per una partita di DNC, con la tifoseria organizzata brianzola che presenta anche una coreografia a sostegno dei propri beniamini. Dall’altro lato della tribuna sono comunque numerosi i tifosi valsesiani, che hanno voluto sostenere la squadra anche in questa scomoda trasferta infrasettimanale. Il Palazzetto Aldo Moro, così come era stato il Pala Loro Piana domenica, è totalmente tinto di arancione.

Inizia la partita con i quintetti classici in campo (Taffettani, Barbero, Picazio, Giadini, Radovanovic da un lato, Marinò, Meregalli, Gallazzi, Rossetti P., Colombo dall’altro), ma fin da subito si ha la sensazione che Desio patisca un po’ la pressione; infatti i soliti cecchini dei primi minuti, Meregalli e Rossetti P., non si prendono i tiri che solitamente realizzano con facilità. Si capisce anche che non sarà una partita dal punteggio alto. In casa Gessi, Radovanovic riesce a dare grande profondità in area, costringendo per due volte Colombo al fallo, mentre Giadini si incarica di portare a casa il bottino, con 9 punti solo nel primo periodo. Desio patisce l’inizio sesiano, ma con un minibreak di 6-0 sostenuto da Gallazzi, si porta prima sul 8 – 6 e poi grazie a Meregalli chiude soltanto sotto di un punto (12 – 13) alla sirena.

Ad inizio secondo periodo Meregalli, Rossetti P. e Gallazzi provano l’allungo, portano il tabellone prima sul 19 – 13, poi sul 24 – 17, ma la Gessi non si demoralizza e grazie all’esperienza e al talento di Picazio e Radovanovic si riporta in scia, lasciando a Taffettani l’onore di infilare la tripla del pareggio (24 – 24), che tramortisce Desio, costretta a chiamare il timeout, e innesca sulla panchina sesiana il primo di una lunga serie di salti di gioia! La Gessi prova anche a scappare, cavalcando un parziale lungo di 12 a 0 fino al 29 – 24, con di nuovo Meregalli a salvare la barca con una bomba allo scadere del periodo. Nel mentre la “curva” di Desio continua a sostenere i ragazzi, ma inizia a capire che non sarà per nulla facile avere ragione di questa Gessi.

Il terzo periodo vede la Gessi in difficoltà a trovare la via del canestro, con i 24 secondi di regolamento che non sembrano mai essere sufficienti per arrivare ad un buon tiro. Desio sembra leggermente più sciolta, ma comunque non va oltre ad un parziale di 7 -2 nei primi cinque minuti, dando sfogo a tutte le proprie energie sia fisiche che, soprattutto, mentali. Radovanovic piazza un 5 – 0 personale, con anche una tripla da 8 metri e Giadini corona il quarto con il canestro del 34 – 38. Nell’ultima azione del periodo Desio viene ancora premiata, questa volta grazie ad un fallo discutibile di Castagnetti su Motta, che dà al giovane brianzolo 3 tiri liberi a disposizione: 1/3 dalla lunetta però la dice lunga sul buio che si sta insinuando nelle menti dei giocatori di Desio.

L’ultimo periodo corona la stagione della Gessi, con una difesa che non lascia nessuno spazio a Desio (a secco per 5 minuti) e un attacco che coinvolge tutti: Picazio da 3, Vercellino, Somaschini, di nuovo Picazio e poi Castagnetti da 3 fanno volare le aquile a +15 e gettano i “favoriti” brianzoli nel baratro. Gallazzi si schianta nell’area sesiana, mentre Motta, Meregalli e Marinò non trovano le soluzioni dalla distanza. La partita è vinta!!! Desio riesce a tornare a -11 solo con una bomba di Motta da distanza siderale, ma mai minaccia la Gessi, che con in campo gli esperti Barbero, Picazio, Giadini e Radovanovic non permette a Desio di alzare il ritmo per provare la clamorosa rimonta. Picazio in lunetta è glaciale sempre e Radovanovic farcisce la sua migliore prestazione stagionale (top scorer assieme al “Pica” con 15 punti) con un’altra bomba e relativa esultanza dedicata a tutta la panchina. Desio alza bandiera bianca, la Gessi inizia la festa, conclusa con Capitan Barbero che taglia la retina e se la porta a casa!

Si tratta della seconda promozione in due anni, nonché della terza finale consecutiva raggiunta. Se ci aggiungiamo una semifinale di serie C2, tre Finali di Coppa Piemonte consecutive (le ultime due vinte) e la partecipazione alle Final Eight di Coppa Italia DNC di quest anno a Rimini, possiamo dire che negli ultimi 4 anni la Gessi ha fatto veramente qualcosa di straordinario, frutto di lavoro, passione, genuinità e sorriso. GRAZIE RAGAZZI! E.....

GOOOOOOOOOOOOOEAGLES!!!