Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

News

VALSESIA BASKET CHIUDE IL GIRONE DI ANDATA CON UNO STOP CASALINGO CONTRO VIGEVANO!

Lunedì 7 Gennaio 2019 in Prima Squadra

CAMPIONATO DI SERIE B GIRONE A     15^ GIORNATA ANDATA

VALSESIA BASKET: 72

NUOVA PALACANESTRO VIGEVANO 1955: 87

Parziali:20-25; 36-45; 49-62.

 

Valsesia Basket : Criconia 6, Cernivani 13, Brigato 18, Dessì 2, Gloria 19, Ambrosetti, Pisoni, Ourobagna 4, Quartuccio 2, Panzieri 8.

Coach: Domenico Bolignano            Ass. coach: Marco Cardano.

 

Nuova Pallacanestro Vigevano 1955 : Verri 18, Ferri 8, Panzini 16, Minoli 10, Vecerina 1, Petrosino 16, De Gregori 7, Martinoli ne, Rossi 6, Benzoni 5.

Coach : Paolo Piazza        Ass. coach: Cerri Andrea – Rossberger Alberto

 

Arbitri: Sigg. Semenzato Matteo di Mirano (Ve) e Secchieri Diego di Venezia.

 

Ieri sera il colpo d’occhio del Pala Loro Piana di Borgosesia era davvero impressionante: sold out in ogni ordine di posti (più di un centinaio i tifosi giunti da Vigevano), con le due tifoserie che hanno dato vita ad uno spettacolare tifo: appassionato, colorato, chiassoso ma corretto. I tifosi valsesiani, coordinati dagli instancabili  Dunkers ce l’hanno messa proprio tutta per trascinare con il proprio calore e immutato affetto i propri beniamini, incitandoli e supportandoli per tutta la durata del match, ma la partita e il girone di andata del campionato di serie B girone A per gli Eagles si sono chiusi in modo amaro e Valsesia Basket ha dovuto alzare bandiera bianca alla compagine lombarda di Nuova Pallacanestro Vigevano 1955 per 72- 87.

Il commento post partita di coach Domenico Bolignano: ”Intanto complimenti a Vigevano per la partita. Poi di partenza sta il fatto che se andiamo a guardare il loro roster, vediamo una squadra che possiede giocatori di esperienza che hanno vinto campionati e che, nei momenti importanti, riescono a fare la differenza. Noi abbiamo avuto il classico black out di una squadra che è composta da tanti giovani, che al momento però non riescono ancora ad incidere; quindi è ovvio che nel momento in cui, nei primi due quarti, concedi nove rimbalzi offensivi che si tramutano in realtà di dieci punti ( che poi era il gap che ci separava), poi si fa fatica a rientrare mentalmente. In seguito abbiamo avuto anche il classico black out dal punto di vista offensivo: hai voglia a tutti i costi a voler rientrare troppo velocemente, ovviamente poi in difesa ci siamo completamente slegati. Di quello che avevamo preparato in settimana, a tratti siamo riusciti anche a metterlo in pratica; ci può stare che lavori su delle scelte importanti che, bene o male, possono anche riuscire, però poi alla fine gli altri sono più bravi di te. Questo è merito dei nostri avversari e alla capacità di un giocatore di esperienza come Panzini che, in un momento importante ( e non è un tiratore) ha messo canestri decisivi e, nonostante noi avessimo provato a limitare il più possibile Benzoni, poi ci hanno fatto male gli altri, come ad esempio Verri, bravo sulle situazioni di penetrazione e sui recuperi. Loro sono stati bravi, hanno avuto pazienza di aspettare anche nel momento in cui noi abbiamo provato a fare cambio su tutti e poi ci hanno sistematicamente punito. La chiave della partita è lì: abbiamo recuperato, siamo andati a -4, ma poi non abbiamo avuto la lucidità e l’esperienza ed è mancato quel giocatore che ti da quel qualcosa in più e che si faccia carico della squadra. Oggi noi purtroppo paghiamo questo e mi dispiace dirlo dopo 15 partite. Abbiamo sicuramente compiuto dei passi avanti, ma ancora patiamo questi black out che non ci possiamo permettere, in quanto questo è un campionato che in 2/3 minuti rischi di prendere venti punti per poi non riuscire più a rientrare e, se devi giocare una partita a rincorrere, tutto diventa più difficile. In futuro dovremo mettere più sacrificio nelle situazioni difensive, non fare una faccia strana se subiamo un canestro ma reagire ed essere più determinati. Sicuramente qualsiasi difesa fatta con energia e con l’intensità giusta, anche (e perchè no?), invertendo un po’ le regole difensive preparate, porta sempre a qualcosa di positivo dal punto di vista dell’atteggiamento: a volte non basta fare il compitino, sarebbe troppo facile! Infine ringrazio come sempre i tifosi valsesiani e i Dunkers che, a differenza di Vigevano che ha una tifoseria storica, nonostante siano una tifoseria “giovane” hanno comunque fatto sentire la loro voce e incitato come sempre la squadra “.

Valsesia Basket in campo con Cernivani, Brigato, Gloria, Quartuccio e Panzieri, mentre Vigevano scende sul parquet con Ferri, Panzini, Minoli, Petrosino e Benzoni. Pronti, via.. gli Eagles partono con energia con i canestri di Panzieri e Gloria (che segna in rovesciata da sotto), Benzoni segna da tre punti ma Cernivani ripaga con la stessa moneta, Minoli segna da sotto, Cernivani è preciso dalla linea della carità, a segno Petrosino, Panzieri segna dal pitturato, risponde Benzoni e Minoli impatta al 6’ la perfetta parità: 11-11. Si continua a giocare con forte atletismo e le squadre viaggiano punto a punto: a segno Gloria, risponde Panzini, Petrosino segna il primo vantaggio esterno e Rossi carica costringendo coach Bolignano a fermare il match (13-17). Al rientro, Gloria trova un gioco da tre punti ( canestro+ libero aggiuntivo), gite proficue in lunetta per Rossi e Verri, Gloria segna da sotto le plance, Criconia in lunetta non sbaglia, ma non sbaglia nemmeno De Gregori. Il primo periodo si chiude con gli avversari avanti di cinque lunghezze: 20-25.            

Il secondo parziale si apre con Minoli che trova un gioco da tre punti ( canestro + libero aggiuntivo), Panzieri risponde da due, Verri fa male da tre e allunga a +9 al 12’ (22-31), ma caparbiamente capitan Quartuccio si fa largo tra il traffico in area e in penetrazione segna da sotto, subisce fallo e in lunetta è preciso, mentre dall’altro lato va a segno De Gregori. Dopo circa due minuti con retine a secco segna Cernivani, risponde ancora De Gregori ,ma poi la guardia valsesiana sgancia una fantastica bomba al 16’ e coach Piazza chiama il minuto di sospensione (30-35). Al rientro dal time out, Gloria segna da sotto  e porta i suoi a -3,  Minoli segna una tripla di tabella  e De Gregori segna a metà dalla lunetta ( 32-39). Gli Eagles si rifanno sotto con Cernivani che in lunetta è preciso (2/2), Panzini mette una tripla importante e poi ai liberi fa 3/3, mentre dall’altro lato Dessì segna due liberi dalla linea della carità. Il secondo quarto si chiude con Vigevano avanti di nove lunghezze: 36-45.

Al rientro dall’intervallo apre le marcature Petrosino, Gloria prima e Brigato poi segnano dal pitturato e poi ancora Petrosino costruisce un mini break di 4-0 portando il vantaggio gialloblù in doppia cifra (+11) e al 24’ coach Bolignano chiama time out (40-51) e striglia i suoi. Al rientro in campo Panzini segna la tripla del +14, Petrosino carica dal pitturato con due canestri consecutivi, Cernivani segna a metà dalla lunetta e poi ancora Panzini fa male dalla lunga, portando i suoi a +20 dai padroni di casa (41-61). Gli Eagles non mollano e tentano di riaprire la partita con i canestri di Panzieri, Criconia e Brigato, Vecerina fa 1/2 dalla lunetta mentre ancora Brigato in lunetta non sbaglia (2/2). Il terzo periodo si chiude con i lombardi avanti di tredici lunghezze: 49-62.

Ultimo giro d’orologio: le due tifoserie incitano senza sosta i propri beniamini, il Pala Loro Piana diventa una bolgia infernale che fa scattare la reazione dei ragazzi valsesiani. Apre Criconia, risponde Verri, Brigato sgancia una bomba salutata dagli applausi dei tifosi valsesiani, Verri replica da tre ma Ourobagna, in quel momento sul parquet, scaglia un dardo da tre che fa scattare in piedi i tifosi nero-arancio: -10 (57-67). Vigevano attacca con Petrosino che, fermato fallosamente, va in lunetta e segna i due liberi, Gloria segna dal pitturato, Brigato in lunetta è iceman (2/2), gita proficua in lunetta anche per Ferri e Panzini, mentre Ourobagna in lunetta ne segna metà (69-76). I valsesiani lottano, Brigato estrae dal cilindro una spettacolare bomba dall’angolo a due minuti dalla fine del match, che fa per un attimo ammutolire i tifosi gialloblu in tribuna: 72-76 e -4! Ma l’esperienza della Elachem spegne il sorriso sul viso degli Eagles, che perdono per falli Gloria, Panzieri, Cernivani e Brigato e con le gite in lunetta di Verri, Ferri e Rossi e la tripla di Ferri, la squadra di coach Piazza chiude definitivamente il match: finisce 72-87.

Prossimo appuntamento per gli Eagles sarà la difficile trasferta in terra toscana sabato prossimo, 12 gennaio 2019, palla a due alle ore 21:00 ad Empoli, dove incontreranno nella prima giornata di ritorno del campionato di serie B girone A, l’agguerrita squadra di casa USE Basket Empoli, desiderosa di riscatto dopo lo stop esterno contro Piombino. Forza ragazzi,       

Sempre....

 

#GOOOEAGLES

#ILVALSESIABASKETSONOIO

http://www.valsesiabasket.it/ 

 

Letizia Bertini - Marco Pimazzoni

Ufficio Stampa Valsesia Basket